Il Verbo degli uccelli. Appello chymico tradizionale dal delta del Po – Ab-Kork

Acquista il libro al seguente link contribuirai alle nostre iniziative. https://shop.cavouresoterica.it/products/il-verbo-degli-uccelli-appello-chymico-tradizionale-dal-delta-del-po-ab-kork

Ab-Kork – Il Verbo degli uccelli. Appello chymico tradizionale dal delta del Po

Questo libro è stampato solo in 400 copie numerato a mano.

Gli Uccelli popolano l’intermondo che unisce Cielo e Terra, e i Padri della Tradizione occidentale hanno chiamato “Lingua degli Uccelli” l’eterna Sapienza che unisce il cuore dell’uomo al cuore di Dio.
Secondo questa antichissima scienza naturale, il piumaggio, il canto e le abitudini degli Uccelli sono le chiavi in grado di guidare il postulante all’incontro con la Cavalleria, la Mistica e l’Alchimia, ovvero le tre grandi manifestazioni della tradizionale d’Occidente.
Dal Delta del Po, luogo eletto per prestare ascolto al Verbo degli Uccelli, Ab-KORK lancia un appello alla modernità, e rimettendo le cose a posto senza mezzi termini, invita il lettore a volgere nuovamente lo sguardo verso la Tradizione, spogliandola da ogni contraffazione e riportandola alla sua semplice purezza, fornendo al cercatore le basi necessarie per imboccare la via stretta della Cerca del Graal.
“Per poter iniziare a udire il Verbo degli Uccelli, il solo sentiero da seguire è quello della semplicità. Questa parola, perfetta antitesi con lo spirito moderno, dettato da sofismi, ideologie e professioni che sempre più s’allontanano dal lascito tradizionale dei nostri Padri, è la sola che si addica all’esistenza e al modo di operare della (e nella) Natura.
È questa semplicità parte del deposito ancestrale della nostra Tradizione, ed io la trovo così ben dipinta da Thorin Scudodiquercia, da non poter fare a meno di citarne le belle parole: “In te v’è più di quanto tu non sappia, figlio dell’Occidente cortese. Coraggio e saggezza, in giusta misura mischiati. Se un maggior numero di noi stimasse cibo, allegrezza e canzoni al di sopra dei tesori d’oro, questo sarebbe un mondo più lieto”.
Ab-Kork